Ministro del Turismo greco ad Italia: Lavoriamo insieme

GreciaGrecia e Italia lavorino “insieme per promuovere il nostro patrimonio culturale su mercati terzi, Cina e Brasile in primis”. A sostenerlo è il ministro per il Turismo greco, Olga Kefalogianni, in questi giorni a Firenze in occasione del terzo Forum mondiale dell’Unesco sulla cultura e le industrie culturali, che si concluderà domani 4 ottobre. Grecia ed Italia condividono infatti un ‘unicum’ in termini artistici, naturalistici ed enogastronomici, e proporli ai visitatori stranieri, in particolare a quelli provenienti da destinazioni lontane, è una carta vincente. Nel 2014, dice il Ministro, ”è stato superato ogni record, con venti milioni di turisti, esclusi quelli del settore crocieristico, facendo registrare un incremento del 15% rispetto al 2013”. Già lo scorso anno il Paese aveva raggiunto la soglia dei 18 milioni di visitatori stranieri. Intanto il processo di privatizzazione di spiagge ed isole, ma anche di decine e decine di infrastrutture strategiche, non si ferma. Il sito dell’Ente ellenico per la valorizzazione delle proprietà dello Stato (Taiped) sgrana una lunga lista di beni: isole, spiagge, porti, aeroporti, strade, terreni, edifici storici, tutti in vendita. ”Il nostro obiettivo – replica Kefalogianni – è quello di attrarre investimenti e sviluppare le nostre infrastrutture migliorandone la qualità”. A dettare le condizioni degli investimenti ed a dare la linea su come questi progetti debbano essere realizzati, assicura, è lo Stato.