Nasce il portale di Evolution Travel ‘Ai Poli Estremi!’

Evolution TravelE’ on line il nuovo portale Evolution Travel dedicato ai viaggi ‘Ai Poli Estremi!’, dedicato ai viaggi nelle regioni polari, le zone del nostro pianeta situate a Nord e a Sud del 66° parallelo: Groenlandia, Svalbard ed Antartide sono le principali mete proposte. “Non sono viaggi per tutti, perché sono rivolti a chi ha una forte passione per la natura, per gli ambienti ancora incontaminati e per chi predilige cosa vedere a dove dormire o cosa mangiare – spiega Carlo Ossola, l’ideatore del nuovo portale di Evolution Travel – Sono però viaggi per tutti da un punto di vista climatico. Sia in Artico, che si visita durante la nostra estate, che in Antartide, accessibile solo durante il nostro inverno, le temperature sono generalmente sopra gli 0° C ed il clima molto secco rende meno intenso il freddo. Fatta eccezione per alcuni viaggi dedicati appositamente a sportivi, non sono richieste particolari doti fisiche, ma più semplicemente una minima dose di capacità di adattamento”. La passione di Ossola per gli ‘estremi’ è cominciata durante gli anni dell’università, quando collaborava con il Museo Nazionale dell’Antartide con il compito di raccontarne le caratteristiche e l’importanza degli studi che svolgevano i ricercatori italiani. “L’Antartide è la memoria del nostro pianeta – racconta Ossola – La neve caduta sull’Antartide, e che forma una calotta di ghiaccio spessa in alcuni punti oltre quattro chilometri, può raccontare come è cambiato il clima del nostro pianeta negli ultimi 800.000 anni. E questo rappresenta un tassello fondamentale nello studio dei cambiamenti climatici. L’Antartide è un luogo unico anche da un punto di vista politico ed è disciplinata da un trattato firmato nel 1959 che proibisce, almeno fino al 2040, lo sfruttamento delle risorse presenti sul territorio; è in pratica un immenso laboratorio naturale dove migliaia di ricercatori, all’interno di basi scientifiche, svolgono studi nelle più svariate discipline scientifiche. In Antartide si può andare in due modi solamente: come ricercatori o come turisti (40.000 l’anno). I viaggi sono prevalentemente crociere di 10-12 giorni con partenza da Ushuaia a bordo di navi perfettamente attrezzate per la navigazione tra i ghiacci. Dopo un percorso di circa due giorni in mare aperto si raggiungono le coste dell’Antartide. Non c’è solo navigazione, ma durante il viaggio sono organizzate escursioni a terra dove è possibile fare trekking o anche pernottare in un campo tendato. Si può navigare tra i ghiacci in kayak ed i più coraggiosi possono immergersi nelle gelide acque antartiche. Da alcuni anni è possibile anche raggiungere l’Antartide in aereo e proseguire il viaggio a bordo di una nave da crociera. Esistono anche viaggi per veri sportivi alla ricerca di esperienze estreme, come scalare vette inviolate o, addirittura, raggiungere il polo Sud a piedi!”